Chi siamo

Siamo un gruppo di appassionati di tecnologia, del fai da te e del software libero. Ispirati dal progetto Ninux di Roma vogliamo realizzare anche a Firenze (e dintorni) una rete wireless libera da censure e di proprietà delle persone.

Vuoi partecipare?

  • Vai sulla mappa e aggiungi un nodo potenziale
  • Iscriviti alla nostra mailing list
  • Vieni ad una riunione del gruppo: gli incontri avvengono il Lunedì ogni 2 settimane presso la sede all'exfila (via Monsignor Leto Casini, 11, Firenze, mappa) alle ore 21.00.

    Installazione del nodo Ninux Firenze:Lippi

    Domenica 7 Marzo 2104 un nuovo nodo si è acceso a Firenze.

    Già da tempo avevo svolto dei lavori di preparazione, appena dopo il sopralluogo effettuato con Lorenzo ed Emanuele il Novembre scorso.

    Per prima cosa ho installato il palo a partire dal sottotetto fissandolo al muro con delle staffe.

    Il palo che ho scelto è di tipo telescopico a 3 elementi di 2 metri ciascuno; questo consente di lavorare agevolmente installando un elemento alla volta.

    Ho fissato con delle staffe il primo elemento al muro, poi il secondo elemento, quello che sostiene i tiranti e finalmente il terzo con le antenne. Si arriva così ad una altezza di 5,5m sopra il livello del tetto senza dover usare scale.

    Il server Ninux, un vecchio PC stanco di sudare con Windows, sul quale ora gira agilmente e senza sforzo olsrd è collocato nel seminterrato.

    Durante i mesi successivi, in attesa di un po’ di bel tempo ho passato il cavo Ethernet, Cat5 per interni, “Dal Sottotetto al Seminterrato” (sembra il titolo di un romanzo di avventura), utilizzando le vie cavi condominiali!!!!!!

    Finalmente finiti i giorni di pioggia e nebbia, Domenica 7 Marzo …il sole!!!

    Ho quindi subito approfittato dell’occasione e ho installato la scatola stagna accanto al palo nel sottotetto. La scatola contiene uno swicth a 8 porte (configurabili con VLAN), due alimentatori POE e una ciabatta.

    Avendo utilizzato dei morsetti al posto delle solite spine per le alimentazioni a 230 V, la ciabatta mantiene 2 posti liberi che quindi si possono utilizzare in fase di manutenzione. (Trapano, lampada, PC …)

    Sono passato quindi alla installazione delle antenne :

    • Nanostation M2 diretta verso Next-Emerson
    • Nanostation 2 diretta verso FabLab

    Fissate le antenne al palo con le fascette di dotazione e avendo cura di mantenere l’angolo relativo già predisposto alla configurazione geografica dei nodi di rifermento, ho abbassato l’elemento intermedio (i tiranti si sono semplicemente afflosciati). Ho installato quindi il palo con le antenne (terzo elemento) fissandolo con due bulloni da 13.

    Ho individuato la direzione in modo che una antenna collimasse con un nodo di riferimento (Next-Emerson), l’altra si è posizionata automaticamente.

    Ho calato poi due cavi cat6 da esterno dentro il palo fino al sottotetto, e ho crimpato i connettori Rj45. (@Leandro : “Non è mica difficile ci vogliono meno di 7 ore”) Ho sollevato l’elemento alla sua altezza massima. Ho finalmente sollevato il secondo elemento del palo,fino a tendere di nuovo i tiranti.

    Et Voilà les jeux sont fait!!!

    Ho collegato il tutto e sono sceso dunque nel seminterrato dove ho piazzato la presa RJ45 al muro (con rigorosa targhetta di riconoscimento) e installato olsrd sul PC in ambiente Debian7.0

    Finalmente ho cominciato a sparare dei ping……. Vedo Tutto !!, (Antenne, Router Internet).

    Aspetto ora consigli e sostegno, non solo morale, per attivare la connessione verso il primo “1-hop” e cominciare a sparare HELLO To all the World.

    Sono proprio contento.

    Che soddisfazione ragazzi !!!!

    Salvatore

    Presentazione di Ninux a Bologna

    Come precedentemente annunciato, venerdì 28 marzo ci sarà una presentazione di Ninux a Bologna con l’intervento di Leonardo.

    A seguire l’annuncio ufficiale da parte di ERLUG.

    Con violenta commozione cerebrale e conseguente perdita di coscienza, siamo lieti di annunciare il ritorno dei Talk di Sera di ERLUG!

    Venerdì 28 marzo 2014, ore 20.30, presso la sala consiliare del quartiere Porto, in via dello Scalo 21 a Bologna:

    Mappa OSM

    Mappa G

    Leonardo Maccari sarà nostro gradito ospite e ci parlerà della rete wireless decentralizzata ninux Verranno presentati ed approfonditi sia gli aspetti tecnici della rete wireless ad-hoc che la vivace comunità che partecipa al progetto stesso.

    L’evento è inserito all’interno dei warm up per l’hackmeeting 2014, incontro delle controculture digitali che si terrà a bologna dal 27 al 29 giugno negli spazi di xm24

    A seguire, pub e giro sui tetti a montare antenne!

    Per meglio (dis)organizzare la serata vi invitiamo a comunicare la vostra molesta presenza scrivendo a: talkdisera CHIOCCIOLA erlug.linux.it

    Upgrade nodo Firenze::MI

    Sabato mattina, assieme a Leandro e suo padre ci siamo avventurati nell'upgrade del nodo Firenze::MI. Obiettivo della mattinata, installazione del router di terra e della nuova M5 per il collegamento con S. Marta.

    Inizio lavori ore 10 con installazione del TP-Link per il routing a terra:

    A seguire l’aggiornamento della M2 presente con l’ultimo firmware disponibile e setup delle VLAN, dopodiché l’installazione della nuova M5

    Test di collegamento e puntamento fine

    Per le 12:30 avevamo già finito tutto ;)

    Resoconto della riunione del 3 marzo 2014

    Abbiamo montato il server nel rack grazie alle staffe modificate opportunamente da Salvatore.

    Abbiamo deciso di non pubblicare i nomi delle persone negli articoli non direttamente coinvolte nel nostro gruppo.

    Abbiamo chiacchierato un monte.

    Attivazione nodo santa marta

    Venerdì 21 febbraio 2014 Gabriel e Lorenzo hanno montato gli apparati per il nuovo nodo SantaMarta

    Per prima cosa è stata piazzata la scatola stagna sotto al rack dello CSIAF e l’abbiamo alimentata.

    img1

    img2

    img3

    img4

    Poi sono stati passati i cavi ethernet da esterni da dentro al castello sopra, in totale 4.

    img5

    La gran parte del tempo è stata impiegata a crimpare gli 8 connettori sul cavo da esterni.

    Mentre venivano crimpati i cavi sono stati effettuati alcuni test scoprendo che Fiesole era ben visibile e si riceveva a -72db il nodo a casa dell’amico di Emanuele, così è stata piazzata subito un antenna direzionata verso Fiesole come backbone verso la rete ninux.

    img6

    L’access point di Fiesole2 è configurato senza WDS mentre era presente sull’antenna di SantaMarta: di conseguenza il link era unidirezionale (L’access point non interpretava i pacchetti 802.11 con wds, ma viceversa sì). Appena eliminato il WDS è subito arrivata connettività verso il resto della rete.

    È stata fissata un’altra antenna verso Sesto Fiorentino, una in direzione Arcetri e un’altra verso MaestroIsacco.

    Successivamente ci siamo accorti che alcune antenne erano raggiungibili e non totalmente a caso, e che non erano raggiungibili dal resto della rete. Esse infatti non pingavano il router di terra (10.150.25.1) e quindi lo script di controllo le faceva riavviare. Trovata la causa del problema nel bridge con managing e wifi, in cui invece di esservi solamente eth0.9, era rimasta anche eth0. Dopo questo passaggio è tutto funzionante.

    Martedì 25 febbraio ci sono trovati a Santa Marta con un responsabile dello CSIAF e abbiamo collegato il cavo che arriva al centralino dal sotto-tetto a una porta dello switch e nel pomeriggio ha unito questo switch alla sottorete dove risiede anche l’ip pubblico del Lilik (150.217.19.0/24), così facendo possiamo fare tutto il traffico che vogliamo tra nodo e lilik e il router con openwrt che così ha un ip pubblico (150.217.18.250).

    Dopodiché abbiamo chiesto al responsabile locale, se fosse possibile annunciare la subnet di ip pubblici (150.217.0.0/16) dell’università all’interno di ninux: la risposta è stata affermativa perché tutte le restrizioni sulla rete sono per il transito sulla rete GARR e non per la sola rete dell’ateneo Unifi.

    Al momento abbiamo quindi tutti i servizi web dell’ateneo fiorentino raggiungibili attraverso la nostra rete. L’unico problema rimane la risoluzione dei nomi. In uno scenario di assenza di connettività internet, i DNS server usuali (google freedns alice) non sarebbero raggiungibili e quindi non potremmo risolvere i domini .unifi.it Potremmo ovviare a questo problema integrando i loro dns nel server dns anycast.

    Le fotografie del nodo sono tutte disponibili nella photogallery